Uno zoo di pietra | Turismo Roma
Vivere Roma, scoprire Roma
Servizi turistici e offerta culturale
060608
Il tuo viaggio su misura

Social Block

You are here

Uno zoo di pietra

Uno zoo di pietra - Gatta di Palazzo Grazioli

Per trascorrere una mattinata piacevole vi proponiamo una passeggiata per le vie del centro storico alla ricerca di animali simbolici che evocano miti e avvenimenti storici. In piazza del Campidoglio si ammira l’animale simbolo di Roma: la Lupa Capitolina che allatta Romolo e Remo, copia dell’originale in bronzo conservato nei Musei Capitolini. Ai piedi della cordonata che sale al colle, ci aspettano due Leoni egizi in basalto, nei tempi forati e trasformati in fontanelle; durante le feste solenni gettavano vino dei castelli invece dell’acqua.

Poco distante vicino palazzo Venezia imbocchiamo via della Gatta, chiamata così poiché, proprio sul primo cornicione all’angolo di palazzo Grazioli, si trova la statua di un felino egizio ritrovata a qualche metro di distanza nel vicino santuario di Iside. La leggenda racconta che nella direzione in cui guarda la gatta dovrebbe essere sepolto un tesoro, ancora nessuno è riuscito però a trovarlo.

Continuiamo la passeggiata e raggiungiamo piazza della Minerva dove troneggia un elefantino, chiamato familiarmente il Pulcin della Minerva, il nome sembra essere un ingentilimento della parola “porcin” dato dai romani alla statua perché ritenuta tozza.

Lasciato l’elefantino ci dirigiamo verso la chiesa di San Luigi dei Francesi, qui sulla facciata troviamo due enormi salamandre che eruttano fiamme. Emblema del re Francesco I di Francia, questo animale ci riporta ad un'antica leggenda secondo la quale la salamandra alimenta il fuoco benefico mentre spegne quello nocivo.

Poco distante, in piazza Sant’Eustachio, una testa di cervo con la croce fra le corna sovrasta la chiesa appunto di Sant’Eustachio. Una leggenda medievale, legata a questa statua, narra la storia di Placido, un comandante dell’esercito romano che si battezzò cambiando il suo nome in Eustachio dopo aver visto l’apparizione di una croce con l’immagine di Cristo fra le corna del cervo che stava per uccidere durante una battuta di caccia.

La chiesa barocca di S. Ivo alla Sapienza è ricca di simboli araldici: le aquile dei Borghese, i draghi dei Boncompagni e le api dei Barberini. Elemento dominante della chiesa, l’ape ricorre anche nella fontana progettata da Bernini, all’incrocio con via Veneto e piazza Barberini, dove troviamo tre api sormontate da una grande conchiglia.

Il nostro giro si conclude a piazza Mattei dove possiamo ammirare la fontana delle Tartarughe realizzata verso la fine del 1500 su progetto di Giacomo della Porta è legata ad una romantica leggenda. Pare, infatti, che il duca Mattei volle dimostrare al padre della sua amata di essere un uomo potente, contrariamente a quanto questi ritenesse, facendo erigere la meravigliosa fontana davanti alle sue finestre nell’arco di una sola notte. Le tartarughe aggiunte successivamente, nel 1658, probabilmente da Bernini, sono state più volte rubate, ma sempre recuperate e rimesse al loro posto. Quando nel 1981, fu nuovamente rubata una tartaruga si decise di sostituirle con delle copie, mentre le tre superstiti originali sono conservate nei Musei Capitolini.

Ti potrebbe interessare anche

Musei Capitolini

Musei Capitolini
Musei Capitolini
Musei e gallerie
Share Condividi

Media gallery

Le tue utility