I film degli anni ’40 - ’50 - ’60 | Turismo Roma
Vivere Roma, scoprire Roma
Servizi turistici e offerta culturale
060608
Il tuo viaggio su misura

Social Block

You are here

I film degli anni ’40 - ’50 - ’60

Un americano a Roma

#1 ROMA CITTÀ APERTA

Anno: 1945
Durata: 100 minuti
Genere: drammatico, guerra
Regia: Roberto Rossellini
Interpreti e personaggi
Anna Magnani: Pina
Aldo Fabrizi: Don Pietro Pellegrini

Capolavoro del Neo-Realismo italiano, nominato agli Oscar e premiato al Festival di Cannes, Roma città aperta è ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale.

Dopo l’armistizio di Cassibile del 3 settembre 1943, giorno in cui l’Italia si arrende agli Alleati che però non sono ancora giunti nella Capitale occupata dai tedeschi, si intrecciano le vicende intense e tragiche di Giorgio Manfredi, militante comunista e uomo di spicco della resistenza, Francesco, tipografo antifascista, Pina, vedova madre d'un bambino, Lauretta, sorella di Pina, artista, Marina, legata sentimentalmente a Manfredi, e Don Pietro, parroco benvoluto e rispettato da tutti che difende e aiuta perseguitati politici e partigiani.

Il film fu girato a guerra appena terminata, con pellicole scadute e un set di fortuna.
Per il personaggio di don Pietro, Rossellini si ispirò alle figure di don Luigi Morosini e don Pietro Pappagallo, impegnati nel fornire aiuto ai perseguitati del nazi-fascismo.
Pina, invece, si ispira a Teresa Gullace, simbolo della resistenza romana alla spietata occupazione tedesca, uccisa da un colpo di pistola di un soldato nazista mentre tentava di parlare al marito prigioniero.

Luoghi:
Galleria Sciarra
Piazza di Spagna
Ostiense

#2 LADRI DI BICICLETTE

Anno: 1948
Durata: 93 minuti
Genere: drammatico
Regia: Vittorio De Sica
Interpreti e personaggi
Lamberto Maggiorani: Antonio Ricci
Enzo Staiola: Bruno Ricci
Lianella Carell: Maria Ricci

La storia di Antonio Ricci, un uomo qualunque che lotta ogni giorno per riscattarsi dalla miseria e dare un futuro alla propria famiglia, si svolge nella Roma del secondo dopoguerra.

La vicenda è imperniata sul furto del suo bene materiale più prezioso: una bicicletta, unico mezzo che possa garantire la sussistenza dei suoi cari. Acquistata con grandi sacrifici, gli viene rubata il primo giorno di lavoro.

E allora seguiamo Antonio e suo figlio in giro per la città impegnati in una disperata, quanto infruttuosa, ricerca del mezzo. Indimenticabile l’ultima scena del film, in cui il piccolo Bruno stringe la mano al padre, in un rassegnato gesto di conforto, mentre su Roma scende la sera.

Per il film Vittorio De Sica sceglie di proposito attori dilettanti, nonostante le grandi difficoltà a reperire i fondi per realizzarlo. Rifiutò perfino le cospicue offerte dei produttori americani che avrebbero voluto Cary Grant come protagonista.

Luoghi:
Porta Pia
Piazza Vittorio
Ponte Palatino
San Michele  - Porta Portese
Basilica dei Santi Nereo e Achilleo
Ponte Duca D'Aosta

#3 VACANZE ROMANE

Anno: 1953
Durata: 118 minuti
Genere: commedia, sentimentale
Regia: William Wyler
Interpreti e personaggi
Gregory Peck: Joe Bradley
Audrey Hepburn: Principessa Anna

Una Cenerentola al contrario in cui, però, a vestire i panni della sfortunata fanciulla c’è il fascinoso Gregory Peck.

Ambientato nella Roma scintillante della Dolce Vita, del boom economico e dei paparazzi, questa romantica favola made in USA, girata anche negli Studi di Cinecittà, racconta la storia della Principessa Anna in visita a Roma e del suo incontro con il giornalista Joe Bradley. Tra mille avventure e peripezie in sella a una Vespa fiammante, i luoghi simbolo di Roma diventano i testimoni silenziosi e complici della nascita del loro amore.

Inizialmente i produttori avevano pensato ai famosissimi Elizabeth Taylor e Cary Grant come protagonisti, ma entrambi rifiutarono, contribuendo alla consacrazione di Audrey Hepburn e Gregory Peck.

La celebre scena in cui Gregory Peck infila la mano nella Bocca della Verità fingendo di averla persa non era in copione, ma fu interamente improvvisata dall’attore, suscitando in Audrey Hepburn un’autentica reazione di spavento.

Luoghi:
Piazza San Pietro
Fori Imperiali
Fontana delle Naiadi (Piazza della Repubblica)
Foro Romano
Fontana di Trevi
Piazza di Spagna
Pantheon
Colosseo
Piazza Venezia
Bocca della Verità
Castel Sant’Angelo
Palazzo Colonna
Studi di Cinecittà

#4 UN AMERICANO A ROMA

Anno: 1954
Durata: 89 minuti
Genere: commedia, comico
Regia: Steno
Interpreti e personaggi
Alberto Sordi: Ferdinando "Nando" Mericoni, detto Santi Bailor

Alberto Sordi, di cui quest’anno ricorre il centenario della nascita, è stato uno degli attori più rappresentativi del cinema italiano e vero simbolo di romanità.

In questo film è Nando Mericoni, alias Santi Bailor di Kansas City, un giovanotto fannullone di Trastevere, la unica aspirazione nella vita è di trasferirsi negli Stati Uniti. Nell’attesa, cerca di imitare usi e movenze americane, rendendosi però ridicolo e mettendosi spesso nei guai.

Il film è una esilarante, ma allo stesso tempo pungente, satira dell'Italia del dopoguerra, affascinata da un mito a stelle e strisce immaginario e, quindi, distorto, perché conosciuto solo attraverso il cinema, i fumetti e le riviste

La scena cult di Un americano a Roma, quella dei "Macaroni... m’hai provocato e io te distruggo, macaroni! Io me te magno!", è stata girata con un solo ciak, grazie alla maestria dell’Albertone nazionale che in parte la improvvisò.

Nel 1979, Alberto Sordi riceve la cittadinanza onoraria di Kansas City, bramata da Nando come città ideale.

Luoghi:
Via del Portico D'Ottavia
Santa Maria in Monticelli
Colosseo

#5 I SOLITI IGNOTI

Anno: 1958
Durata: 102 minuti
Genere: commedia
Regia: Mario Monicelli
Interpreti e personaggi
Vittorio Gassman: Giuseppe Baiocchi, detto "Peppe er Pantera"
Marcello Mastroianni: Tiberio Braschi
Renato Salvatori: Mario Angeletti
Totò: Dante Cruciani
Claudia Cardinale: Carmelina Nicosia

Una banda di piccoli delinquenti romani riceve una soffiata su un colpo sicuro al Monte di Pietà.

Per preparare al meglio il furto della vita, vanno a lezione da uno scassinatore in pensione. Ma dopo aver fatto un buco in un muro, si troveranno, invece che nella stanza della cassaforte, nella cucina di un appartamento popolare, dove non gli resterà altro che consolarsi con un ottimo piatto di pasta e ceci.

Il film è il caposcuola del genere caper movie, il "film del colpo grosso", sottogenere cinematografico del film thriller che descrive un gruppo di individui che organizza e mette in atto un grande furto in maniera accurata.

L’idea di Monicelli era il desiderio di far ridere attraverso gli episodi di vita quotidiana di un’Italia che, seppur faticosamente, si stava risollevando dalla tragedia della guerra.

Gassman era l’attore teatrale drammatico per antonomasia, dai tratti nobili, atletici, alteri e con la voce troppo impostata  per recitare in un film comico. Ma Monicelli lo voleva a tutti i costi. Fu quindi sottoposto a un relooking totale, gli furono letteralmente rifatti i connotati, mascherata la gobba del naso, infilato cotone nelle narici, messo uno spessore sotto il labbro e una parrucca per abbassargli la fronte spaziosa da intellettuale. Insomma, Amleto venne trasformato in Peppe er Pantera.
Il risultato fu un personaggio indimenticabile e il film capolavoro che tutti conosciamo.

Luoghi:
Chiesa di Sant'Onofrio al Gianicolo
Santa Maria Maggiore
Monte Testaccio

#6 LA DOLCE VITA

Anno: 1960
Durata: 180 minuti
Genere: drammatico
Regia: Federico Fellini
Interpreti e personaggi
Marcello Mastroianni: Marcello Rubini
Anita Ekberg: Sylvia
Anouk Aimée: Maddalena

"Marcello come here!" una frase iconica per uno dei più grandi capolavori di tutti i tempi, nato dalla mente geniale di Federico Fellini, di cui quest’anno si celebrano i 100 anni dalla nascita.

Il film racconta di Marcello Rubini, giornalista insoddisfatto sempre in cerca di scoop, la cui storia si sviluppa nell'ambiente mondano capitolino, un mondo volgare, cinico e privo di valori e speranze, lo si vedrà soprattutto nel finale, fatto di tradimenti, violenza e noia di vivere. Tra attricette, paparazzi, suicidi e omicidi, il film è ambientato in una Roma patinata e scintillante che però cela sotto il tappeto vizi e brutture della società del tempo.

Durante le riprese dell’indimenticabile scena del bagno nella Fontana di Trevi, la svedese Anita Ekberg non mostrò alcun problema a restare nell’acqua gelida per ore. Mastroianni, invece indossò una muta sotto lo smoking e si scolò una bottiglia di vodka, prima di immergersi.

Il termine "paparazzo", che definisce i fotografi d’assalto e che è entrato ormai nel lessico mondiale, fu coniato proprio da Fellini in occasione del film.

Luoghi:
Piazza San Pietro
Via Vittorio Veneto (Via Veneto)
Piazza del Popolo
Fontana di Trevi
Terme di Caracalla
Parco degli Acquedotti

Alcuni degli esterni, tra cui la Cupola di San Pietro e Via Veneto, furono ricostruiti negli Studi di Cinecittà.

Media gallery

Le tue utility