Complesso archeologico del Sessorio - Santa Croce in Gerusalemme | Turismo Roma
Vivere Roma, scoprire Roma
Servizi turistici e offerta culturale
060608
Il tuo viaggio su misura

Social Block

You are here

Complesso archeologico del Sessorio - Santa Croce in Gerusalemme

Complesso archeologico del Sessorio

Occupata già all’epoca di Augusto da grandi domus private immerse in vasti giardini, l’area intorno alla chiesa di Santa Croce in Gerusalemme entrò a far parte con la dinastia dei Severi dei possedimenti imperiali: all’inizio del III secolo d.C. Sesto Vario Avito Bassiano, che regnò col nome di Elagabalo, vi fece costruire una grande villa, di cui facevano parte anche l’Anfiteatro Castrense e il Circo Variano

La costruzione del circo fu probabilmente iniziata da Caracalla (212-217 d.C.), particolarmente appassionato di corse di carri: la sua lunghezza originaria era superiore a quella del circo Massimo ma fu poi ridotta da Elagabalo durante la realizzazione della sua residenza. Oggi ne sono visibili solo alcuni ambienti vicino al Chiostro di Santa Croce in Gerusalemme. Costruito interamente in opera laterizia e con una capienza di circa 3.500 spettatori, l’anfiteatro è invece l’unico conservato a Roma oltre al Colosseo. Con la costruzione delle Mura Aureliane (271-275 d.C.), l’anfiteatro fu inglobato nella nuova cinta muraria (le sue aperture completamente tamponate sono ancora visibili in viale Castrense) mentre altri edifici, come il circo, vennero tagliati dalla nuova opera difensiva.

Con Costantino (306-337 d.C.) l’area conobbe una nuova fase di splendore: la villa fu trasformata in un palazzo imperiale alternativo a quello sul Palatino e composto da un settore privato riservato all’imperatore, una parte pubblica, di cui faceva parte la basilica civile nota come “tempio di Venere e Cupido”, e una destinata agli alloggi della corte. Noto con il nome di Palazzo Sessoriano o Sessorio (nome forse derivato dalla parola “sedeo”, soggiorno), il complesso fu scelto come residenza dalla madre Elena, che fece ricostruire le terme di età Severiana, da lei chiamate Eleniane (di cui rimane attualmente la grande cisterna di Via Eleniana), e trasformò l’antico atrio della villa in una cappella per custodirvi le reliquie della Croce da lei portate a Roma. 

Del palazzo rimane parte del muro di fondo e dell’imponente abside del “tempio di Venere e Cupido”, oltre ad alcune domus che appartenevano probabilmente ai dignitari di corte. In queste ultime sono stati trovati raffinati mosaici pavimentali in bianco e nero con i ritratti dei padroni di casa.

Informazioni

Indirizzo 
POINT (12.514556 41.888671)
Orari 

Dal mese di giugno 2022 aperture con visita guidata all'area archeologica con Coopculture
II e IV domenica del mese
Ingressi per singoli alle ore 10.00
Ingressi per gruppi alle ore 11.30 per un massimo di 20 persone a visita oltre la guida

Accessibilità
Non accessibile per persone con difficoltà di deambulazione.

Contatti 
Acquisto online: 
www.coopculture.it/it/poi/comprensorio-archeologico-di-santa-croce-in-gerusalemme
Sito web: 
www.soprintendenzaspecialeroma.it/schede/comprensorio-archeologico-di-santa-croce-in-gerusalemme_3034
Share Condividi

Location

Complesso archeologico del Sessorio - Santa Croce in Gerusalemme, Piazza di Santa Croce in Gerusalemme
Piazza di Santa Croce in Gerusalemme
41° 53' 19.2156" N, 12° 30' 52.4016" E

Per conoscere tutti servizi sull'accessibilità visita la sezione Roma accessibile.

Media gallery

Node Json Map Block

Mappa interattiva

Scegli eventi e i servizi nelle vicinanze

Le tue utility