Il Borgo di Ostia Antica e il Castello di Giulio II | Turismo Roma
Vivere Roma, scoprire Roma
Servizi turistici e offerta culturale
060608
Il tuo viaggio su misura

Social Block

You are here

Il Borgo di Ostia Antica e il Castello di Giulio II

Il Borgo di Ostia Antica e il Castello di Giulio II

L’area del Borgo di Ostia Antica era occupata in epoca imperiale da necropoli; nel V secolo, sul luogo della tomba della martire Santa Aurea sorse una basilica che, restaurata nei secoli successivi, divenne nel IX secolo il centro attorno al quale si sviluppò il Borgo, fatto costruire da papa Gregorio IV per proteggere i pochi abitanti della zona dalle incursioni saracene. A questo primo nucleo abitativo, difeso da una cinta muraria, venne dato il nome del suo fondatore: Gregoriopoli.

Data l’importanza strategica dell’area per il controllo dei traffici fluviali e per la presenza delle saline il cui monopolio spettava alla Curia, nel XV secolo papa Martino V fece costruire, a guardia del Tevere, una torre rotonda circondata da un fossato. Un ulteriore sviluppo del Borgo si deve al cardinale Guglielmo d’Estouteville, vescovo di Ostia tra il 1461 e il 1483, che fece restaurare la cinta muraria e migliorò le condizioni degli abitanti realizzando tre file di case a schiera, tuttora presenti. 

Negli anni successivi, tra il 1483 e il 1487, il cardinale Giuliano della Rovere, futuro papa Giulio II, intraprese a proprie spese la costruzione del Castello, su progetto di Baccio Pontelli (come indica l’iscrizione sul portale di accesso al cortile). Alto esempio di architettura militare rinascimentale, il complesso include un circuito perimetrale di casematte (camere da sparo) che raccorda tre torrioni (uno dei quali inglobò la torre di Martino V), un “rivellino” (cioè un edificio difensivo posto a protezione ulteriore della porta di accesso) e un ampio fossato. La valenza strategico-militare fu parzialmente attenuata, negli anni successivi, dalla costruzione di ambienti residenziali e di uno scalone monumentale, decorato da affreschi policromi attribuiti alla scuola di Baldassarre Peruzzi.

L’inondazione che deviò il corso del Tevere nel 1557 e la lenta formazione di paludi malariche determinarono la decadenza del Castello e l’abbandono del Borgo. Nell’Ottocento nel castello alloggiarono i prigionieri destinati ai lavori forzati, con i quali Pio VII e Pio IX  iniziarono i primi scavi archeologici di Ostia Antica.

Orari: Il Castello di Giulio II apre al pubblico ogni sabato e domenica dalle ore 10.00 alle ore 16.00 con visite accompagnate in lingua italiana. TEMPORANEAMENTE CHIUSO.

Come arrivare: prendere il treno Roma-Lido da Porta San Paolo (Metro B Piramide), da Metro B San Paolo o da Metro B Eur Magliana, fino alla fermata Ostia Antica; attraversare il ponte pedonale e seguire le indicazioni.

Maggiori informazioni: www.ostiaantica.beniculturali.it

Ti potrebbe interessare anche

Informazioni

Indirizzo 
POINT (12.301482 41.759568)
Contatti 
Facebook: 
www.facebook.com/scavidiostia
Instagram: 
www.instagram.com/parco_archeo_ostia/
Sito web: 
https://parcoarcheologicostiantica.it/it/aree-archeologiche-e-monumentali/ostia-antica/borgo-di-ostia-antica-e-castello-di-giulio-ii/
Twitter: 
https://twitter.com/parcostiantica
Share Condividi

Location

Il Borgo di Ostia Antica e il Castello di Giulio II, Piazza della Rocca
Piazza della Rocca
41° 45' 34.4448" N, 12° 18' 5.3352" E

Media gallery

Node Json Map Block

Mappa interattiva

Scegli eventi e i servizi nelle vicinanze

Le tue utility