news | Page 2157 | Turismo Roma
Vivere Roma, scoprire Roma
Servizi turistici e offerta culturale
060608
Il tuo viaggio su misura

Social Block

You are here

news

Guide scaricabili

Title 
Guide scaricabili
descrizione 

Tra boschi e acquedotti - il Celio

Il Celio, uno dei sette colli della città antica, è un posto piacevole se si vuole sfuggire alla massa di turisti: abbastanza vicino al centro, ma comunque lontano dal rumore incessante della frenetica vita cittadina. Un luogo speciale dove scoprire chiese uniche nel loro genere e ville monumentali. Scarica la guida (.pdf 2,43MB)

Al chilometro zero - dal Campidoglio a piazza Venezia

Partendo dalla splendida piazza disegnata da Michelangelo, un itinerario che vi porta alla scoperta dei Musei Capitolini e della Chiesa di Santa Maria in Ara Coeli, fino alla famosa piazza Venezia con il suo celebre Monumento a Vittorio Emanuele II. Scarica la guida (.pdf 2,64MB)

Gli albori della Roma cristiana - da San Giovanni in Laterano a Santa Croce in Gerusalemme

Un percorso che si snoda tra due splendide piazze, una con la settecentesca Basilica di San Giovanni in Laterano, divenuta per un curioso destino una sorta di polo laico per le manifestazioni che periodicamente vi si tengono, e l'altra con la chiesa di Santa Croce in Gerusalemme e l'annesso Museo Nazionale degli Strumenti Musicali. Scarica la guida (.pdf 2,52MB)

Il colle della poesia - l’Aventino e dintorni

Alla scoperta dell’Aventino, considerato tra i sette colli di Roma il colle della poesia. Suggestionati dalla sua bellezza, grandi poeti come D’Annunzio e Carducci ne hanno cantato lo splendore nei loro versi; lo stesso Mazzini, affacciandosi verso la città, abbassò lo sguardo attonito di fronte a tanta magnificenza. Scarica la guida (.pdf 2,14MB)

La culla della civiltà - dal Foro Boario al Palatino

Una piacevole passeggiata tra la Bocca della Verità e il Palatino, dove fin dal 1000 a. C. si formarono i primi insediamenti di Latini, Sabini ed Etruschi che, in seguito, si sarebbero uniti dando vita alla città di Roma. Scarica la guida (.pdf 2,61MB)

La ruota della Storia - il colle Oppio e L'Esquilino

Un itinerario alla scoperta del colle Oppio e dell'Esquilino: le zone con il maggior numero di abitanti provenienti dalle più diverse aree del globo, con tutti i vantaggi e le difficoltà che questa dimensione comporta. Scarica la guida (.pdf 2,50MB)

Roma monumentale - da via dei Fori Imperiali al Colosseo

Un percorso che si snoda nei luoghi simbolo della capitale, primo fra tutti il Colosseo. Immergetevi nell’atmosfera della Roma maestosa, nelle strade che l’hanno resa “città eterna”. Scarica la guida (.pdf 2,64MB)

Suggestioni d’antico - dalla passeggiata archeologica a Porta San Sebastiano

La zona compresa tra piazza di Porta Capena e piazzale Numa Pompilio rappresenta il cuore di una vasta area archeologica, che parte dal Foro Romano, passa dal Circo Massimo e dalle Terme di Caracalla e conduce fino a Porta San Sebastiano e all’Appia Antica. Fatevi suggestionare da questa splendida passeggiata archeologica. Scarica la guida (.pdf 2,78MB)

Roma città sacra, un itinerario spirituale

Il percorso mette in luce il vasto patrimonio storico e religioso della città: colossali templi dedicati agli dèi della tradizione romana, basiliche cristiane ornate di capolavori d’arte e luoghi sacri dell’ebraismo e dell’islamismo. L’itinerario spazia da perle artistiche di fama mondiale a sorprendenti testimonianze della cultura popolare, a metà strada tra culto e leggenda. Scarica la guida (.pdf 485,62KB)

Quasi un set cinematografico - via Veneto e dintorni

Via Veneto, ampia e alberata arteria umbertina, è legata dalla metà del secolo scorso alla vivida cronaca di mondani trascorsi cinematografici e per questo incarna nella memoria collettiva il centro di quella che fu comunemente detta la “dolce vita”. La strada, che parte dalla Porta Pinciana ai confini con Villa Borghese, discende con andamento snodato e serpentino fino alle viscere della Roma barocca, costituendo una elegante cerniera urbanistica tra l’antico e il moderno. Scarica la guida (.pdf 2,48MB)

La via Appia Antica

Questo itinerario ci porta alla scoperta di una delle strade più antiche e meglio conservate di Roma: la Via Appia Antica. Fu aperta nel 312 a.C. dal censore Appio Claudio Cieco, che fece ampliare una strada preesistente che collegava Roma con le colline di Albano. La via fu presto denominata regina viarum, ossia la regina delle strade, in quanto nel 191 a.C. fu prolungata fino a Brindisi, divenendo così il principale sbocco di Roma per i suoi traffici con l'Oriente. Scarica la guida (.pdf 1,99MB)

La Suburra - Il rione Monti e Santa Maria Maggiore

Questo quartiere costituiva la parte più popolosa della Roma antica, un dedalo di viuzze, botteghe, mercati, catapecchie e insulae, i palazzi a più piani con appartamenti d’affitto. Oggi continua a mantenere questa connotazione popolare affiancata, però, da un lato più innovativo che rendono la Suburra uno dei luoghi più interessanti della città, ricca di locali e ristoranti. Regina del quartiere è senza dubbio l’imponente Basilica di Santa Maria Maggiore che domina la piazza omonima. Scarica la guida (.pdf 2,42MB)

Caravaggio, Raffaello e Michelangelo

Itinerari appositamente studiati per accompagnare il visitatore nella scoperta del grande patrimonio del Rinascimento a Roma, attraverso la testimonianza di geniali artisti quali Caravaggio, Raffaello, Michelangelo. Caravaggio (.pdf 1,52MB) Raffaello (.pdf 1,53MB) Michelangelo (pdf 1,48MB)

Bernini e Borromini

Passeggiate nell’arte barocca, per ammirare le splendide architetture di Bernini e Borromini. Bernini (.pdf 1.29 MB) Borromini (.pdf 1,17MB)

Roma ti aspetta

Tanti itinerari alla scoperta del vastissimo patrimonio di Roma: dalle Case Museo alle chiese, dalle ville ai circhi, passando per piazze, teatri, obelischi e antiche mura. Percorsi riservati ai viaggiatori più attenti, che si lasciano incantare dalla storia ma anche incuriosire dalle leggende e dai misteri legati alla città. E ancora quartieri, passeggiate lungo il Tevere, shopping e movida. Da questa magica, e a tratti inedita prospettiva, Roma ti aspetta! Gli itinerari sono in distribuzione, in forma gratuita, presso i Tourist Infopoints. Le Case Museo (.pdf 350KB) Chiese e basiliche (.pdf 393KB) Circhi e teatri (.pdf 345 KB) Architettura moderna e contemporanea (.pdf 329KB) Sulle orme del gusto_Cucina (.pdf 376KB) Le fontane (.pdf 391KB) Una gita fuori porta (.pdf 353KB) Le Ville (.pdf 356 KB) La città misteriosa (.pdf 447KB) Mura, torri e archi (.pdf 337 KB) Roma di notte (.pdf 340KB) Gli obelischi (.pdf 385KB) Le piazze (.pdf 406KB) I quartieri popolari (.pdf 325KB) Lo shopping (.pdf 442KB) Tra storia e leggenda (.pdf 447KB) Il Tevere (.pdf 33KB)

Modificato da redazione 

Famiglie

Title 
Famiglie
descrizione 

famiglia

Roma è così unica e sorprendente, che vale la pena visitarla tutti insieme, grandi e bambini. Nel vostro itinerario alla scoperta della città, i bambini saranno compagni di viaggio un po' speciali, con cui condividere esperienze ed emozioni. E forse attraverso i loro occhi, le loro osservazioni e le loro domande anche voi vedrete luoghi e monumenti in modo diverso, come non avreste neppure immaginato!

Tutta la città può diventare il percorso di una insolita caccia al tesoro: basta chiedere ai bambini di cercare particolari nascosti, di scoprire animali di pietra o di fare a gara a chi riconosce più monumenti. Anche un percorso a piedi può sembrare una piccola avventura per i bambini abituati a muoversi in macchina, soprattutto se alla fine di quel percorso li aspettano i gladiatori del Colosseo o la Bocca della Verità!

Numerose sono le attrazioni che Roma offre ai suoi piccoli visitatori.

I più piccoli possono partecipare ai coloratissimi laboratori che Casina di Raffaello, ludoteca immersa nel verde del Parco di Villa Borghese, organizza sul tema delle mostre ospitate; o quelli proposti dal museo Explora in via Flaminia 80.

Per i più grandi, dagli 8 anni in su, a Villa Torlonia, c'è la ludoteca Technotown con le sue numerose attività giornaliere.

Nelle belle giornate vale la pena fare una passeggiata al Bioparco, approfittando anche per visitare il vicino Museo civico di Zoologia.

Se invece volete dilettare i vostri figli con marionette, burattini o rappresentazioni teatrali non potete mancare il Teatro Verde, il Teatro Stabile dei burattini San Carlino, il Mongiovino degli Accettella.

Per la gioia di grandi e piccini, dopo un lungo periodo di chiusura, ha riaperto le sue porte il Luneur Park, che offre numerose attività e attrazioni nella storica sede all'EUR, dove svetta la celebre ruota panoramica.

Augustus, Welcome To Rome  è invece uno spazio multimediale dove, attraverso un’emozionante “macchina del tempo”, si possono ripercorrere le tappe fondamentali che hanno portato Roma a diventare la città che oggi conosciamo. Spettacolari videoproiezioni sulle pareti, sul soffitto e sul pavimento accompagnate da una voce narrante. Tante esperienze diverse e un unico obiettivo: conoscere la storia della città con rigore scientifico ma, allo stesso tempo, in modo appassionante, coinvolgente e spettacolare.

Gallery 
studio
famiglia
Modificato da redazione 

Musei Capitolini

Locations

Musei Capitolini, Piazza del Campidoglio, 1
Piazza del Campidoglio, 1
41° 53' 33.6912" N, 12° 29' 0.0312" E
Musei Capitolini, Via delle Tre Pile, 1
Via delle Tre Pile, 1
41° 53' 36.546" N, 12° 28' 55.9596" E

Peperoni d'Agosto

Title 
Peperoni d'Agosto
descrizione 

I romani nutrono storicamente una grande passione per gli ortaggi tanto da dedicargli molte preparazioni povere ed agresti . Basti pensare che fino a tutto l'Ottocento Roma era disseminata di orti: famoso era quello del Greco alla Quattro Fontane e quelli nei quali era stata suddivisa l'area del Circo Massimo. Solo durante l'occupazione tedesca gli orti furono spostati in periferia. Oltre alle fave, alla cicoria, alla misticanza, ai carciofi, un posto privilegiato spetta sicuramente al peperone con piatti della cucina romana che si gustano prevalentemente nel periodo estivo ed autunnale sino ad ottobre, in coincidenza con la loro maturazione.   Rosso, giallo o verde e con forme differenti, il peperone è originario delle Americhe. Quello di Pontecorvo, in provincia di Frosinone, riferibile alla specie “Capsicum annum” denominato “Cornetto di Pontecorvo” è una dop prelibata della nostra regione, che sin dal 1830, quando il principato di Pontecorvo ricadeva nel dominio della Santa Sede, ha trovato nei terreni leggermente calcarei del frusinate e nell'azione migatrice del mare un'area particolarmente adatta alla sua produzione. Riconoscerlo sui banchi del mercato è semplice.

Il suo colore è rosso, la buccia e la polpa sono sottili; la forma è cilindrica ed allungata ed il suo profumo è vegetale. In bocca è particolarmente sapido e dal sapore dolce ma pungente ed in cucina è molto versatile tanto da essere ottimo fresco, in insalata, in pinzimonio, in agrodolce, ma anche cotto come contorno a secondi piatti. In cucina seguiamo la tradizione.

Proponiamo un grande classico della cucina romana preparato in famiglia in occasione del Ferragosto, ottimo anche da gustare freddo, e seguito sempre da una fetta di anguria ghiacciata: il pollo alla romana con i peperoni. Attenzione come la stessa Ada Boni nel suo “La cucina romana” tiene a sottolineare, la ricetta del “peperone in padella” alla romana si esegue esclusivamente con il peperone verde. Mettiamoci ai fornelli seguendo la tradizione romana!

La ricetta: Pollo con i peperoni alla romana
Ingredienti per 4 persone
•1 pollo tagliato in 8 pezzi
•50 g di prosciutto
•1 spicchio di aglio
•1 cucchiaio di maggiorana fresca
•1/2 bicchiere di vino bianco
•3 o 4 pomodori media grandezza
•4 peperoni verdi
•1 cipolla
•10 cl di olio d’oliva extra-vergine
•Sale e pepe qb

Preparazione 
Soffriggere in padella il prosciutto con 2 cucchiai d’olio, aggiungere il pollo e farlo rosolare aggiustando a proprio gusto una volta che sarà ben dorato con il sale e con il pepe. Aggiungere poi uno spicchio di aglio schiacciato, la maggiorana sminuzzata ed il mezzo bicchiere di vino. Dopo che il vino si sarà asciugato aggiungere i pomodori spellati, privi di semi, e ridotti in pezzettini.
Importante: cuocere a fuoco vivace, se il sugo si asciuga troppo aggiungere dell'acqua. A parte far arrostire i peperoni ed una volta pronti spellarli e tagliarli a listarelle di 2 cm privandoli dei semi. In una padella mettere 1 cipolla e olio. Quando la cipolla si sarà imbiondita aggiungere i peperoni e aggiustarli con il sale abbassando la fiamma e coprendo con un coperchio per una 20 minuti. Una volta pronti, quando saranno teneri e saporiti, unirli al pollo. Mescolare il tutto con cura. Da servire caldo o freddo.

Il pollo con i peperoni è una ricetta della tradizione proposta in diverse varianti ed inserita a menu esclusivamente durante il periodo di maturazione dei peperoni.

TAG 
immagine copertina 
I peperoni
Modificato da redazione 

Le tue utility