Riapre al pubblico da novembre il complesso della Serra Moresca a Villa Torlonia | Turismo Roma
Vivere Roma, scoprire Roma
Servizi turistici e offerta culturale
060608
Il tuo viaggio su misura

Social Block

You are here

Riapre al pubblico da novembre il complesso della Serra Moresca a Villa Torlonia

Foto sovraintendenzaroma.it
dal 25 Agosto 2021 al 31 Ottobre 2021

Un tripudio di stucchi, vetri policromi, pietre intagliate, decorazioni in azzurro, giallo e ocra: commissionate nella prima metà dell’Ottocento all’architetto Giuseppe Jappelli dal principe Alessandro Torlonia, la Serra e la Torre Moresca sono uno dei tesori di Villa Torlonia. Rimasti a lungo chiusi al pubblico, i loro spazi potranno essere nuovamente ammirati dalla fine del mese di novembre, al termine dei lavori di restauro.

Con le sue architetture di stampo moresco ispirate all’Alhambra di Granada, la Serra era uno spettacolare padiglione da giardino, destinato ad accogliere piante esotiche e rare ma anche eventi spettacolari. La Torre era invece riservata a incontri più intimi, per pochi partecipanti, invitati dal Principe nella raffinata sala da pranzo dell’ultimo piano. Tra la Torre e la Serra, Jappelli aveva poi costruito una grotta artificiale, in gran parte demolita nel 1908, con laghetti e percorsi in legno sospesi, solo in parte conservati.

La prima fase di recupero degli edifici, completata nel 2013, aveva interessato sia la parte strutturale sia quella decorativa, entrambe compromesse da anni di abbandono e ricostruite anche grazie a documenti e immagini d’epoca. Con gli ultimi interventi, ancora in corso, il complesso sarà trasformato in un museo, con un allestimento rispettoso della sua vocazione originaria. L’esterno e l’interno della Serra ospiteranno palme, agavi e aloe. Il primo piano sarà destinato allo svolgimento di laboratori e alla didattica, mentre lo spazio esterno potrà essere utilizzato per eventi, mostre, fiere, piccoli spettacoli e incontri di didattica ambientale.  Nella piccola valle dove sorgeva la grotta saranno ripristinati i rivoli d’acqua che alimentano i due laghetti, resi ancora più suggestivi da ninfee, piante ossigenanti e fiori di loto. A completare il tutto, una illuminazione scenografica evidenzierà i resti della grotta, con luce calda.

Share Condividi
Ti potrebbe interessare anche

Media gallery

Media gallery
Foto sovraintendenzaroma.it

Le tue utility