news | Page 3 | Turismo Roma
Vivere Roma, scoprire Roma
Servizi turistici e offerta culturale
060608
Il tuo viaggio su misura

Social Block

You are here

news

Gli "alloggi" degli artisti

Title 
Gli "alloggi" degli artisti
Abstract 

Rome has attracted many famous foreing artists

descrizione 

Nel corso dei secoli, Roma è stata meta prediletta di romanzieri, pittori, poeti, musicisti, che, con il Grand Tour, completavano la loro formazione culturale e cercavano ispirazione dalle opere d’arte e delle memorie antiche e rinascimentali della città.

Alberghi storici, raffinati palazzi e abitazioni private, il centro storico ha accolto nel tempo numerosi personaggi illustri; a ricordo del loro soggiorno, rimangono le targhe commemorative e le loro straordinarie opere – basti ricordare “Viaggio in Italia” di Goethe, tributo d’amore alla Città Eterna, o le suggestive “Passeggiate romane” di Stendhal.

Il seicentesco palazzo del Grand Hotel della Minerva, in piazza della Minerva, è il luogo prescelto da alcuni dei più celebri artisti europei: qui, soggiornarono lo scrittore francese Marie-Henri Beyle, noto come Stendhal, tra il 1814 e il 1816,  e Herman  Melville, autore di “Moby Dick”, nel 1857.

In piazza della Rotonda, ci troviamo di fronte al “più bel resto dell’antichità romana”, come Sthendal descrisse il Pantheon. È qui, che sorge il quattrocentesco ed esclusivo Albergo del Sole, il più antico della città, che ospitò Ludovico Ariosto, Pietro Mascagni, e, più recentemente, la celebre coppia di filososi, Jean-Paul Sartre e Simone de Beauvoir.

Il musicista Pietro Mascagni e i due grandi statisti del Novecento, Charles de Gaulle e Winston Churchill, furono alcuni degli ospiti del Grand Hotel Plaza in via del Corso, antica locanda e successivamente punto d’incontro di nobili, artisti, politici e regnanti. “Roma è la capitale del mondo! In questo luogo si riallaccia l'intera storia del mondo, e io conto di essere nato una seconda volta, d'essere davvero risorto, il giorno in cui ho messo piede a Roma. Le sue bellezze mi hanno sollevato poco a poco fino alla loro altezza” scriveva Goethe nel 1787. Proprio al civico 18 della stessa strada, si trova la Casa di Goethe, dove il poeta visse insieme al pittore Tischbein, oggi piccolo museo con lettere, libri e disegni, dedicato ai rapporti fra l’artista e la città.

Nella raffinata via del Babuino, al civico 79, a pochi metri dalla Fontana del Babuino, una delle statue parlanti di Roma, avevano sede i prestigiosi “Albergo d’America” e Albergo “Grande Bretagna”, dove alloggiò il grande compositore tedesco Richard Wagner.

In via Bocca di Leone 14, oggi strada iconica del lusso e delle griffe della moda, abitava il compositore Franz Liszt nell’aristocratico Albergo d’Inghilterra, originariamente residenza dei principi Torlonia, A breve distanza, ai piedi della Scalinata di Trinità dei Monti, la magnifica piazza di Spagna ospita la casa museo dove vissero John Keats, che qui morì all’età di 25 anni, e Percy  Shelley. Nell’incantevole edificio settecentesco, di fronte alla Fontana della Barcaccia, tutto è rimasto inalterato nella facciata e negli interni: è un vero e proprio tempio dei romantici e dei grandi scrittori inglesi da loro ispirati. 

Ferdinand Gregorovius visse per molti anni a Roma, al punto da ricevere la cittadinanza onoraria nel 1876, grazie all’opera “Storia della città di Roma nel medioevo”: lo storico tedesco alloggiò prima in via di Pietra 89, a pochi passi dall’omonima piazza dominata dal maestoso Tempio di Adriano, e, successivamente, in via Gregoriana 12. Di fronte, si trova la casa del primo soggiorno romano del pittore francese Jean Auguste Dominique Ingres, uno dei principali artisti del Neoclassicismo.

Il nostro tour si conclude in via Sistina, l’elegante strada affollata di memorie d’artista. Al civico 48, soggiornava lo scultore danese Bertel Thorvaldsen; al 113, il compositore ungherese Franz Liszt; al 126, dal 1838 al 1842, lo scrittore russo Nikolaj Gogol. Hans Christian Andersen abitò al civico 104: qui, nel 1835, il poeta e scrittore danese diede vita al suo primo romanzo, “L’Improvvisatore”.

TAG 
immagine copertina 
Johann Heinrich Wilhelm Tischbein
Modificato da redazione 

Le tue utility