Michelangelo a colori | Turismo Roma
Vivere Roma, scoprire Roma
Servizi turistici e offerta culturale
060608
Il tuo viaggio su misura

Social Block

You are here

Michelangelo a colori

Michelangelo a colori

A Palazzo Barberini apre una nuova mostra che evidenzia lo stretto legame artistico instaurato tra Michelangelo Buonarroti (1475-1564) e i seguaci, mettendo a confronto alcuni suoi disegni esposti in fedeli riproduzioni, con le tele e le tavole che ne sono state tratte negli anni successivi dagli artisti legati al Maestro.

Nel percorso espositivo quindi, i visitatori possono ammirare una doppia rappresentazione di soggetti cari al Buonarroti.

Il grande pittore e scultore toscano, che rappresenta la massima espressione del Rinascimento nell’arte, è influenzato fortemente sia dalla statuaria classica soprattutto del periodo ellenistico, sia dagli artisti toscani come Giotto, Masaccio e Donatello. Nelle sue opere si ritrova quella raffigurazione plastica del corpo umano caratterizzato da un movimento quasi “tormentoso” per cui sono universalmente conosciute.
Questi aspetti, emergono anche nei soggetti sacri, sono ripresi dai pittori Manieristi presenti in mostra.

Fra i dipinti presenti, si segnala ad esempio l’Annunciazione di Lelio Orsi, arrivata a Roma dal Museo Gonzaga di Novellara per lungo tempo attribuita a Marcello Venusti. La tavola viene affiancata all‘Annunciazione del Venusti della Galleria Corsini che riproduce fedelmente la pala d’altare perduta che l’artista aveva dipinto su disegno di Michelangelo per la cappella Cesi della chiesa di Santa Maria della Pace.

Uno dei temi centrali dell’esposizione è, per esempio, quello della Crocifissione. In particolare, la composizione del Venusti si ispira a tre importanti disegni di Michelangelo: il Cristo vivo sulla croce, oggi al British Museum di Londra, concepito per la sua amica marchesa Vittoria Colonna, e i due disegni pieni di spiritualità che raffigurano la Madonna e San Giovanni dolente ai piedi della croce, conservati al Museo del Louvre di Parigi.

Il Venusti dipinge diverse varianti di quest’ultimo soggetto, arricchendole di volta in volta di particolari diversi, sempre ispirandosi ai modelli del Buonarroti. L’esemplare presente a Palazzo Barberini proviene da una collezione privata romana e si contraddistingue per l’aggiunta della Maddalena ai piedi della croce, prototipo di una serie di composizioni che la rappresentano.

Conclude il percorso espositivo il tema della Deposizione illustrato da una tela poco conosciuta di Marcello Venusti conservata nei depositi dell’Accademia Nazionale di San Luca, accanto alla grande Deposizione di Jacopino del Conte della collezione Barberini: due capolavori del Rinascimento restaurati per la circostanza, che si ispirano anch’esse al genio del grande maestro toscano.

A cura di Francesca Parrilla e Massimo Pirondini, coordinamento scientifico Yuri Primarosa, la mostra è corredata da un catalogo con saggi dei curatori e schede critiche delle opere esposte.

Informazioni

Quando 
dal 11 Ottobre 2019 al 6 Gennaio 2020
POINT (12.4900477 41.9031496)
Contatti 
Hashtag: 
#PalazzoBarberini
Hashtag: 
#iseguacidiMichelangelo
Sito web: 
www.barberinicorsini.org/evento/michelangelo-a-colori-marcello-venusti-lelio-orsi-marco-pino-jacopino-del-conte/
Orari 

da venerdì 11 ottobre 2019 a lunedì 6 gennaio 2020
martedì/domenica 8.30- 19.00. La biglietteria chiude alle 18.00
Chiuso: lunedì, 25 dicembre, 1° gennaio

Share Condividi

Location

Michelangelo a colori, Via delle Quattro Fontane, 13
Via delle Quattro Fontane, 13
41° 54' 11.34" N, 12° 29' 24.1728" E

Media gallery

Node Json Map Block

Mappa interattiva

Scegli eventi e i servizi nelle vicinanze

Le tue utility