Se si pensa al mare della città di Roma il pensiero vola automaticamente a Ostia, località balneare sorta recentemente, agli inizi del ‘900, sul modello di altre stazioni marittime nate in quegli anni.

Negli anni ’30 Ostia viene gemellata con Roma, divenendo dunque un quartiere della città, nel quale architetti e ingegneri trovano spazio per la creazione di moderni edifici, piazze, stabilimenti balneari, nonché reti stradali di collegamento con la città. Gli anni ’60 spalancano le porte al turismo balneare di massa, spensierato prolungamento della dolce vita capitolina, che attraverserà indenne i successivi decenni fino ad arrivare ai giorni nostri. Tantissimi gli stabilimenti della località, alcuni più recenti, altri divenuti ormai storici ma tutt’ora attivi.      

Ricordiamo in primis il  Kursaal, emblema di Ostia Lido, costruito agli inizi del secolo scorso e famoso per il celebre trampolino progettato da Pier Luigi Nervi; a seguire gli stabilimenti Elmi e Battistini, entrambi sorti nel 1919, rinomati e noti, come altri, a qualsiasi romano “d.o.c.”; lo stabilimento Roma, colossale edificio progettato dall’architetto G. B. Milani, la cui ampia terrazza in cemento armato fu soprannominata per la sua caratteristica forma “il panettone” del Lido di Ostia. Purtroppo dello stabilimento rimangono oggi solo fotografie d’epoca, in quanto fu bombardato nella notte del 12 dicembre 1943.

Oggi gli stabilimenti di Ostia offrono molteplici possibilità, dai servizi tradizionali allo sport (tanti gli stabilimenti attrezzati per beach volley, skim boarding, beach ultimate, beach soccer, beach tennis), dalla ristorazione all’intrattenimento musicale, dal relax al divertimento, accontentando così tutti i gusti. Si potrebbe andare avanti per ore ma non vogliamo svelare tutti i segreti del Lido.

Indirizzo

Piazzale della Posta, 1

Servizi

Cambio valuta

Fax

Invio e ricezione denaro