Il Carnevale della Capitale ha origini antiche che risalgono ai Saturnali,  festività religiose dell’antica Roma legate al passaggio delle stagioni e caratterizzate da divertimenti pubblici, riti orgiastici, sacrifici, balli e dalla presenza di maschere.

La tradizione del carnevale si è mantenuta viva nei secoli, caratterizzando la vita cittadina con balli e divertimenti che si svolgevano in luoghi della città dedicati.

Dal X alla metà del XVI secolo i festeggiamenti carnascialeschi si svolgevano infatti sul monte Testaccio, poi, per volontà di papa Paolo II, i giochi si svolsero in via Lata, l’attuale via del Corso, dove tutt’oggi si svolgono.

Antichissima è pertanto anche la tradizione in cucina dedicata i tipici dolci del Carnevale tra cui, famose, sono le castagnole alla romana, secondo l’antica ricetta, i bocconotti di ricotta, e le frappe.

Ricette ricche per dolci da poter realizzare in casa e condividere nei momenti di convivialità. Noi, per dimostrare come le castagnole possano essere buone ed autentiche, scegliamo questa settimana di proporvi la ricetta classica della cucina romana. Cosa aspettate a mettervi in cucina?

La ricetta: Castagnole alla Romana

Ingredienti per 6 persone:
– 4 uova
– 400 g di farina
– 50 g di zucchero
– 100 g di burro
– 1 bicchierino di rum
– 1 cucchiaio di scorza di limone grattugiata
– 100 g di zucchero a velo
– olio per friggere q.b.
– 1 pizzico di sale
– 1 pizzico di cannella

In una terrina unite la farina, le uova, il burro fuso, la scorza di limone e il sale. Lavorate l’impasto con energia fino a che questo non arriverà a una certa consistenza, quindi formate con le mani delle palline della grandezza di una castagna, che friggerete nell’olio bollente. Una volta pronte, scolate le castagnole dell’olio in eccesso e mettetele ad asciugare su carta assorbente, quindi cospargetele di zucchero a velo mischiato a della cannella e servitele calde o fredde, a seconda dei vostri gusti.